lunedì, febbraio 18, 2013

A chi ci chiede perché non votiamo...


"Nei discorsi da bar o per strada, con gli amici o i parenti, spesso il dibattito che si sviluppa con chi partecipa ai movimenti attivamente e ha deciso di non votare alle prossime elezioni suscita stupore quando non reazioni attonite. L'arco di tesi che sostengono il voto sono molteplici e in parte, alcune, hanno anche un velo di legittimità. C'è chi sostiene ancora l'immancabile teoria del meno peggio, chi tira fuori la tiritera del voto utile, chi "allora preferisci che vinca Berlusconi?"; chi, in maniera più fine, sostiene la rottura del bipolarismo che bene o male ci ha governato per vent'anni e la possibilità con l'apparire sulla scena di nuovi soggetti politici di piegare le istituzioni o almeno provare a farlo su posizioni che giovino ai movimenti chi invece, ben consapevole che il voto cambierà poco, preferisce però un sano disordine sotto il cielo parlamentare (quest'ultima è forse una delle posizioni più leggittime). E allora perchè non votare?" ...per il resto dell'articolo cliccate sul link 


http://www.infoaut.org/index.php/blog/editoriali/item/6903-a-chi-ci-chiede-perch%C3%A9-non-votiamo


 

Nessun commento: