martedì, settembre 11, 2012

Piccolo esempio dell'incapacità della politica di capire la realtà




Ieri ho assistito in diretta all'evento riportato qui da repubblica.it che da un bell'esempio d'informazione farlocca, parziale e servizievole come i peggio giornalaccci tipo Libero e Il Giornale. Ieri c'erano diverse persone (non squatter o anarchici) ma PERSONE residenti qui nella zona Barriera di Milano. Uno dei quartieri più popolari e quindi più in difficoltà dell’ex città operaia Torino.

C’erano due signori che di anarchico avevano ben poco e che hanno retto per tutto il tempo del discorso, per l’inaugurazione dei giardini, un lenzuolo con scritto
“Fassino grazie per il giardino firmato i genitori disoccupati senza reddito”. C’erano una serie di adulti incavolati (per essere morbidi) che gridavano non contro il giardino ma per farsi sentire e proprio per questo il Sindaco, gli Assessori, i Consiglieri Comunali e Circoscrizionali non avrebbero dovuto irritarsi contro queste persone ma provare ad ascoltarle.
Dovrebbero chiedersi perché quello che doveva essere un bel momento per il quartiere si sia trasformato rapidamente in una contestazione?!
Io ho una serie di idee:

  1. I lavori per i giardini in oggetto sono stati fermi per anni finché non è intervenuta Striscia la Notizia dopo innumerevoli proteste scritte alla Circoscrizione e al Verde Pubblico. Quindi c’è poco da vantarsi poi del bel giardino realizzato  se il tutto è partito solo perché è intervenuta una tv privata nazionale che riesce ad avere (purtroppo) più potere di qualsiasi Istituzione o Ente.
  2. Per i motivi riportati al punto primo, sarebbe stata cosa furba evitare un’inaugurazione così pomposa. Non si è inaugurato un nuovo ospedale ma un giardino con giochi per bambini e adulti. C’era davvero bisogno della presenza del Sindaco?
  3. Io non punto il dito contro Fassino, che forse pensava di fare una cosa gradita per i cittadini del quartiere, ma mi chiedo come sia possibile non effettuare delle valutazioni più attente in un periodo delicato come quello che stiamo attraversando? I tagli alle scuole, ai servizi sociali, al servizio sanitario sono particolarmente sentiti nei quartieri periferici e popolari. La percentuale di abitanti in alloggi ATC (edilizia popolare) in questo quartiere rasenta il 60% del totale della città di Torino. Nessuno ha pensato che far arrivare il Sindaco in questo quartiere solo nell’occasione di un’inaugurazione di uno spazio verde potesse diventare una provocazione?
  4. Non viviamo nella beata e beota illusione dei rampanti anni 80 dove un qualsiasi politico si garantiva la poltrona per gli anni a venire inaugurando un asilo (col tetto in amianto…) o il campo da calcetto per la Società sportiva “Vattelapesca”. La gente ha smesso (anche se non del tutto e non tutti) di credere alle favole perché le favole sono belle quando le ascolti da bambino mentre sei sdraiato sotto le coperte calde e soprattutto con il pancino pieno. Credo che nessuno contesti la realizzazione del giardino in sé, che tra l’altro è utilizzato già dai primi di agosto con gioia dai molti bambini del quartiere, però un po’ di sensibilità in più non guasterebbe cara (in tutti i sensi) classe politica.

Infine, un piccolo e conclusivo appunto sull’ipocrisia della nostra società. Ad uno dei 4 ingressi ai giardini, tutte le notti dimorano degli immigrati dell’est europeo sotto un porticato. Hanno fatto, tra quelle 4 colonne in cemento armato, la loro dimora abituale fatta di cartoni, materassi e coperte per i periodi più freddi. Ecco ieri mattina per l’inaugurazione flop sono stati obbligati a sbaraccare tutto in fretta e furia. Ora io mi domando perché ? Perché quando un’istituzione così importante quando è in visita per i quartieri della città non deve vedere la realtà ma come in una sorta di “Truman Show” deve vedere tutto lindo e pulito? Nessuna auto in doppia fila, nessun senzatetto disperato, nessuna cartaccia per terra?
Perché questo perenne bisogno di nascondere la polvere sotto i tappeti? A chi giova? Al giornalista carrierista? Al politico di Circoscrizione che deve godere del suo piccolo potere? A me personalmente piacerebbe sapere cosa non va nella mia città e sono contento quando vedo agenti di polizia municipale (e non solo loro) che aiutano i senzatetto spesso anche portando (di tasca loro) cibo o coperte, lo sono molto meno quando agli stessi vigili viene ordinato di sgomberare tutti e tutto perché deve arrivare il corteo dei politici di turno.

Nessun commento: