mercoledì, ottobre 19, 2011

Sulla soglia dei 40 tra black bloc e black out





Tra black bloc, black flag e black out io sono andato in tilt. Alla soglia ormai imminente dei miei primi 40 anni non posso nemmeno vantarmi di essermi scopato mezzo gota dei vip che contano come fece quella sciroccata di Marina Ripa di Meana.

Sono nato in un periodo del cazzo dove non va bene niente di quel che si fa. Come ti muovi hai toppato. Le donne hanno ormai superato “l’orlo della crisi di nervi” e ormai per la maggior parte sono da T.S.O. immediato. Gli uomini rimbalzano tra una femminilità prorompente e la ricerca della sensibilità perfetta e orge tra puttane e viados che neanche Rocco in tutta la sua carriera è riuscito a fare.

I black bloc non esistono al massimo esiste il movimento black bloc ma vallo a spiegare all’italiano medio che conosce solo l’inglese dei neologismi anglofoni e scoprirai che è impresa ardua.

Comunque la in mezzo c’è di tutto. L’operaio licenziato o in mobilità che lavora in nero grazie allo suocero che è amico del parroco di quartiere che conosce l’ex assessore all’urbanistica figlio del notaio che è stato pure ex vicesindaco poi scomparso con gli scandali della prima repubblica. C’è sta magari pure il mio panettiere incazzato che tutte le vecchie del quartiere gli danno contro perché “ Sti commercianti se fanno i soldi, se fanno le ville mentre noi con la minima…” ma lui, il panettiere, ha un bilocale con mutuo trentennale a tasso variabile nel quartiere di periferia dove hanno ammazzato un tipo solo perché ha guardato male l’altro (poeretto era strabico) e hanno violentato, rapinato e infine ucciso la solita vecchietta per i soliti 4 soldi. Lui il fornarolo ha un mutuo variabile come tutti i suoi vicini, variabile nel senso che la banca se li incula un mese sì e l’altro pure. Ci stanno quelli di Forza Nuova che lo ripristineranno loro l’ordine altro che cazzi, qui si torna all’olio di ricino che quelli sì che erano bei tempi(…). Ci stanno i pensionati ex Dc passati al PSI transitando per il PRI che hanno votato l’uomo NUOVO nel 1994 e adesso non riescono più a star dietro manco alle bollette. Ci stanno i soliti del “E’ ora di fare la rivoluzione, di mandare a lavorare sta gentaglia”. Ci stanno quelli che ce l’hanno con la tv, coi giornali, coi massoni, coi partiti tradizionali e intanto ne formano uno nuovo però è un movimento eh mica un partito, coi cattolici, coi laici, coi valdesi, con gli ultrà, con il servizio pubblico che son tutti fannulloni, con i servizi privatizzati che fanno più schifo di quando erano pubblici e in più se pagano (ma va?!), con i dentisti che non fan fattura, con il bar che non fa lo scontrino, con la rai che devono pagargli il canone ma fa più pubblicità di mediaset, con i cervelli in fuga (per primo il loro), con i cuori infranti, con gli artisti contemporanei perché manco conoscono quelli del passato, con il rinascimento, con Vanna Marchi e do Nascimento, con la benzina che è troppo cara per andare da casa al supermercato, con le multinazionali e i ministeri, con i dirigenti di partito e i sindacati, con il lavoro nero però ao se conosci qualcuno per qualche ora extra fammelo sapere che devo ancora pagare la rata del maxi scooter, con il traffico mentre stanno in auto, con le tasse e stanno facendo la visita con la mutua, con i soliti vecchi comunisti che da troppi anni sono al potere (?!?), con i reality, con la realtà, con l’indifferenziata, con gli inceneritori, con “eh signora la frutta non è più quella di una volta”, con le stagioni, con la polizia che quando serve non c’è mai, coi vigili che invece ci sono sempre, con i vicini di casa, con i colleghi, con il cane che gli piscia sul cerchio in lega che costa più di un anno di sport per il figlio obeso, con la patria, con l’estero, con gli immigrati che gli rubano il lavoro che loro non vogliono ma comunque me lo rubbbbbano, con i Tg, con le previsioni meteo, con “tutto il mondo è paese”, con l’universo intero, con dio che non gli ha dato quello che per interposta persona gli aveva promesso, con la vita ingiusta cazzo quanto è ingiusta che non ho i soldi per comprarmi il suv che non mi trombo le super model che non vado in Tv ahhhhh ingiusta ingiusta e poi si va beh c’è chi sta molto peggio ma a me che me frega ?!

Sulla soglia dei 40 anni ho capito una sola cosa: Lo zerbino, su cui c’è scritto WELCOME tra due simpatici animaletti che mi sorridono, è sporco di merda. 

Nessun commento: