domenica, aprile 26, 2009

L’avvelenato: Perché il 25 aprile nella mia città si è trasformato nella sagra della porchetta tedesca?

Se fossi un ragazzo 13enne che frequenta la scuola media e mi facessero fare un tema sul 25 aprile, lo inizierei proprio così : “Perché il 25 aprile nella mia città si è trasformato nella sagra della porchetta tedesca?”

Perché sabato 25 aprile, festa della Liberazione, il centro di Torino sembrava la sagra della porchetta, del wurstel con crauti e della birra? In piazza Castello c’erano una serie di gruppi che suonavano presentati da Mao e negli intermezzi tra un gruppo e l’altro gli ampli sparavano a pieni decibel pezzi da bieca discoteca commerciale di provincia perché invece non suonavano canti partigiani così magari da risvegliare un po’ le coscienze dei torinesi che passeggiavano belli satolli di panini e incuranti di cosa si celebra il 25 aprile?

E per favore che nessuno venga a dirmi che dovrei essere contento perché finalmente Torino è viva, è ricca di eventi, è finalmente una città internazionale…Oh IMBECILLI ! SVEGLIA!!

Ma che succede? Avete i cervelli troppo lobotomizzati da zelig, dal grande fratello, dall’isola dei famosi, da Amici, da X factor e tutte le altre belle minchiate per accorgervi che cosa sta capitando?

Ma porco crauto ma i mezzi ce li avete per informarvi. Anche se in questi casi devo dire mi fanno pure incazzare le istituzioni. Va bene che c’era la biennale della democrazia ma mi spiegate che c’entra quella sfilza di bancarelle, di stand da festa della birra con la democrazia e soprattutto con il 25 aprile ?!

Condivido l’amarezza che prova Giorgio Bocca come riferisce nell’intervista a radio Capital.
Stanno facendo di tutto per rubarci anche la memoria. Ma voi andate pure avanti così mangiate la porchetta e bevete la vostra birra media ma ogni tanto pensate a questa frase, se a pensare ce la fate ancora:

"Quelli che non sanno ricordare il passato sono condannati a ripeterlo" (George Santayana - da La vita della ragione)

Nessun commento: