lunedì, agosto 25, 2008

Il pesce volante

Weekend devastante ma ultimamente è una tendenza consolidata per il sottoscritto.

E’ deceduto un animale della nostra fattoria la piccola e vecchietta siamese birmana, Alice. L’avevamo recuperata e salvata da morte certa dopo che era stata lasciata al rifugio di Piera. Ha vissuto ancora 2 anni con noi regalandoci un sacco d’affetto e speriamo d’essere riusciti a fare altrettanto. Per fortuna sugli animali la Chiesa non mette ancora la sua parola e quindi quando loro arrivano a trovarsi in stati vegetativi c’è la possibilità di dare loro una morte dignitosa.

Questo è successo ieri mattina alle 11:40 circa, in una giornata di splendido sole, cielo terso e vento quasi montano.

Sabato invece ho ricevuto una bella multa di 160 euro per aver superato di 19km il limite di velocità, 69 invece di 50 su una provinciale che da Montegrosso va verso Nizza. Non stiamo parlando di via Roma a Torino ma di una striscia di asfalto che passa in mezzo alle basse collinette del Monferrato quasi tutte coltivate a vite e generatrici di ottimo barbera. Questo mi fa pensare a seguito dei 5 punti tolti (dico 5!) che forse vale davvero la pena sbattersene e sfareggiare in corsia di sorpasso ai 200 orari come fa la maggior parte degli automobilisti italici restando impuniti.

Oggi compio 35 anni, li sento come un’enormità, un’età da pre-rincoglionimento senile ma forse sarà l’umore che incide negativamente.

Forse...Ma perchè uso tanto i "forse" nella mia scrittura ed anche i tre puntini che io odio!?...

Fatto sta che oggi vorrei essere come il pesce volante del video che infischiandosene altamente delle Olimpiadi appena finite compie il balzo più lungo mai filmato.

Ecco vorrei essere come lui che vola a poca distanza dalle onde per poi rituffarsi lasciando di stucco il predatore di turno.

Vorrei sognare respirando sott'acqua e poi balzare fuori in apnea, vedere quant'è brutto il mondo e tornarmene sotto.

Nessun commento: