giovedì, agosto 07, 2008

Agosto




Agosto per me è sempre stato un mese di merda. Primo è il mese del mio compleanno In secondo luogo nel periodo estivo mi sono sempre capitati incidenti non gravi ma spiacevoli.Un volo spettacolare dalla bici di mio cugino perché di colpo il manubrio ha ceduto e io mi sono ritrovato faccia a terra.
Un altro anno, già in età adulta e indipendente, mi son beccato un mega febbrone in pieno agosto e abitando da solo col frigo vuoto fui costretto a scendere al Gs sotto casa ad acquistare due cose da mangiare. Peccato che d’estate i supermercati si trasformino in celle frigorifere e io tornato a casa dopo la combinazione sudore febbrile e gelo polare rimasi bloccato con la schiena come un anziano che passa l’estate in città. E così via, una serie di piccole sfighe tutte concentrate nell'ottavo mese dell'anno.



Non parliamo dell’aspetto lavorativo. Ad agosto rimangono pochi colleghi e così finisci per notare di più quelli che sono pirla e stronzi anche durante il resto dell’anno ma che almeno normalmente riesci ad ignorare.


Infine non parliamo dei sentimenti. I miei mesi d’agosto sono passati da due di picche clamorosi durante le solite villeggiature nel paese dei nonni materni a storie che andavano in frantumi come i parabrezza delle auto con le prime grandinate estive. Ora la storia non sembra cambiare un granché con un matrimonio sempre sull’orlo del precipizio (e il primo che mi racconta che bastano i sentimenti a far funzionare una storia gli sputo in un occhio ma solo dopo essermi riempito la bocca di aceto balsamico!) utenti arroganti che non ti dicono nemmeno buongiorno, alcuni colleghi che vedresti bene sul barbecue nella braciolata di ferragosto ( in realtà mai fatta), la palestra chiusa di modo che non ci si può nemmeno sfogare correndo sul tapis roulant (io odio correre all’aperto in mezzo allo smog o peggio dove vivo con salite degne del tour de France) e per finire poco traffico ma con le sempre onnipresenti cozze al volante.



Ora, per concludere, tutto questo andrebbe bene se io dovessi ancora fare le ferie.
Tutto (o quasi...) sarebbe imputabile ad un po’ di sovraccarico di stress e tensioni, di stanchezza arretrata ed invece le ferie le ho fatte e quindi finirò per odiare anche quest’ennesimo agosto…



Nessun commento: