mercoledì, maggio 28, 2008

Degenerazioni del bel paese

Foto dopo gli scontri alla Sapienza di Roma
Da evidenziare la scritta del giovane sulla destra "l'antifascismo non è un reato"


Allora Alemanno vuole intitolare una strada ad Almirante e non è un omonimia, è proprio lui Giorgio Almirante quello che ha lasciato perle tipo questa:

« Noi vogliamo essere, e ci vantiamo di essere, cattolici e buoni cattolici. Ma la nostra intransigenza non tollera confusioni di sorta […] Nel nostro operare di italiani, di cittadini, di combattenti – nel nostro credere, obbedire, combattere – noi siamo esclusivamente e gelosamente fascisti. Esclusivamente e gelosamente fascisti noi siamo nella teoria e nella pratica del razzismo »
(Giorgio Almirante, 1942)

Nel frattempo i giovani di Forza Nuova un gruppetto di burloni picchiatori che rimpiangono il nano pelato e stupido (ehm non mi riferisco a Berlusconi per una volta!) e la guerra d’Abissinia, attaccano degli studenti appartenenti a un collettivo di sinistra. Uno di questi mal capitati ha detto che gli esponenti del gruppo neo fascista hanno gridato da un auto “Comunisti, zecche di merda adesso veniamo lì e vi spacchiamo la testa” e, continua il ragazzo, lo hanno fatto. Che dire non gli si può negare la coerenza. Battute a parte, di nuovo questi poveri fascistelli hanno solo il nome perché il modus operandi è sempre lo stesso. Arrivare a sorpresa possibilmente in numero notevolmente maggiore rispetto al bersaglio e fuggire rapidi prima di prendersele. L’atmosfera comunque è tesa. Eh si perché si sta passando da un ripulisti della destra lanciato dal furbo G.F. aka Gianfranco Fini (o Grande fratello…Dio è lui ?!) dai tempi del congresso/svolta di Fiuggi a una sorta d’esplosione di raid razzisti e di violenza latente che aspettava solo una sorta di legittimazione e l’humus adatto per venir fuori. Siamo infatti già a tre episodi gravi da quando il nuovo governo si è insediato ed è partito con le sue belle promesse di atti decisionali e forti primo fra tutti il decreto sicurezza. Ora mi chiedo se non ci resta che aspettare sperando in un rinsavimento generale oppure e meglio tenere i passaporti pronti per fuggire dall’ex bel paese ormai in mano a un manipolo di fascisti, arroganti, leccapiedi e truffaldini uomini di potere seguiti da un gregge ben nutrito d’idioti ?

Nessun commento: