martedì, gennaio 15, 2008

Born Slippy e voglia di movimento

.

Stamattina mi sono alzato con la sveglia del mio cellulare (pacco) motorola.
Quello che nella
pubblicità i due figaccioni si lanciano come fosse un coltello da circo…

Il mio non è mai nemmeno caduto ma ogni tanto si sconnette come il cervello del suo proprietario. Esiste la fuori qualcuno che sa consigliarmi un cellulare con fotocamera decente (nulla d’esagerato ma neanche una schifezza) con un t9 che funzioni non a scorrimento come questa bestia extra sottile, che abbia una bella agenda, connessione bluetooth e una bella sezione multimedia?! Ma soprattutto che non si spenga quando sei nel bel mezzo di un sms kilometrico che ovviamente il bastardo non ti tiene in memoria!

Comunque ieri mi sono caricato come suoneria “Underworld-Born Slippy(spanky remix)” . Ok ok
Born Slippy è una canzone super abusata e questo remix è terribile ma l’originale era troppo grande come dimensioni per questa fetecchia di cellulare e comprimendolo con Dbpower converter veniva una schifezza. Comunque è partita la sveglia e io nel mio risveglio da orso in primavera con mugugni e suoni onomatopeici impossibile da riportare (per fortuna!) mi sono stiracchiato pensando per un attimo alla scena finale di Trainspotting.

Ecco io stamattina avrei voluto essere come lui. Avere una borsa con un po’ di soldi dentro, diretto per una meta lontana, diversa e lontano da ogni cosa. Da chiunque. Mandare affunculo tutto. Lavoro, casa, qualche residuato bellico d’amico, le preoccupazioni (almeno per un po’) e scappare via con la fiducia in un futuro radioso o almeno diverso, forse più sereno. Magari con una parte di me che sa benissimo che si può fuggire da tutto tranne che da se stessi ma per almeno un giorno crederci comunque, truffare il proprio io e camminare abbagliato dal sole con un
mondo nuovo che mi aspetta.

“Questo cambierà io cambierò …metto la testa a posto, vado avanti, rigo dritto, scelgo la vita. Già adesso non vedo l’ora. Diventerò esattamente come voi: il lavoro, la famiglia, il maxi televisore del cazzo, la lavatrice, la macchina il cd e l’apri scatole elettrico. Buona salute, colesterolo basso, polizza vita, mutuo, prima casa, moda casual, valigie, salotto di tre pezzi, fai da te, telequiz, schifezze nella pancia, figli, a spasso nel parco, orario da ufficio, bravo a golf, l’auto lavata, tanti maglioni, natale in famiglia, pensione privata, esenzione fiscale tirando avanti lontano dai guai in attesa del giorno in cui morirai”

Nessun commento: