giovedì, maggio 24, 2007

Non ci piace la nostra monnezza ...






Qualcuno sa spiegarmi questa moda che vige in Italia da qualche anno ormai di dire di NO a tutto? NO TAV, NO INCENERITORE, NO POLITICA… Scusate ma ad esempio il discorso rifiuti che sta creando delle montagne di “monnezza” in tutta Napoli e dintorni...ma l’immondizia chi la produce? Non siamo forse noi goduriosi consumisti occidentali a produrre chili pro-capite di plastica, carta, rifiuti organici direttamente dai nostri avanzi di cibo: carne, pesce, verdure ammuffite, bucce di banana sulle quali miseramente scivoliamo. Eh si perché ci piace consumare ci piace pure buttare via tanto c’è il supermercato dietro l’angolo pronto a riempirci d’altre cazzate però se si tratta di avere una discarica troppo vicina o un inceneritore eh no ma che scherziamo chi le vuole ste cose vicino a casa?! Non riesco a capire se questa gente che dice subito NO pensa che i rifiuti una volta usciti di casa propria, per un qualche strano motivo si volatilizzino, spariscano che so per autocombustione oppure no meglio ancora se ne occupano gli alieni!
A volte penso che dietro manifestazioni simil ecologiche si nasconda invece la paura di sporcare il proprio giardino, non ho mai visto grosse masse in movimento per esempio per il terribile scarico di rifiuti tossici nei paesi terzo-mondisti come l’africa che si vede arrivare in grossi container i frutti delle nostre schifezze.

Amenità varie:


1. Siamo un paese di vecchi e va bene questo ormai si è capito. Si sono capite anche le ragioni direi, lavoro sempre più precario, flessibilità alle stelle ma solo da parte dei lavoratori quasi tutti under 40 mentre dal lato dei servizi offerti come mutui e assistenze varie sono sempre più rigide nonostante la marea di pubblicità in cui sembra che ti faranno un mutuo anche se sei interinale con precedenti penali per frodi fiscali ed ospiti in casa 4 clandestini. Quindi chi cazzo ha voglia di fare figli ?!
Siamo circondati da una marea di over sixty sempre più arzilli che passano il loro tempo tra incarichi di consulenza ben remunerati per via dell’esperienza che non hanno nessuna intenzione di trasmettere, iscrizioni ai più disparati club e corsie di ipermercati intasati da carrelli della spesa colmi e lenti terribilmente lenti tanto da far aumentare alle stelle le mie nevrosi! Per non parlare di quando alle 8 di mattina davanti all’ufficio postale (che apre alle 8 e 30!) ci sono già 7/8 ciancianti e ridenti anzianotti.
Incomincio a rimpiangere il fatto di non essere nato in secoli passati dove l’età media era di 45-50 anni!

2. Tornando al discorso rifiuti, mentre a Napoli non li raccolgono da giorni qui a Torino fate attenzione perché si portano via pure le persone. Ieri un mezzo appaltato Amiat ha agganciato e investito una signora al mercato di corso Chieti che purtroppo è morta. Da oggi farò attenzione a non essere scambiato per un rifiuto organico…

3. Ho scoperto per caso ieri sera girovagando svogliatamente su internet che il figlio di Moratti ( si il presidente dell’Inter) si chiama Mao….Mao Moratti.
Sarà una sorta di legge di compensazione quella per cui il figlio/a del poveraccio ha nomi da calciatore, attore o tycoon della finanza mentre il figlio di un ricco petroliere richiama il noto rivoluzionario cinese ?!

4. Notizia di pochi giorni fa Britney Spears appena uscita da alcune sedute con l’esorcista, si è alterata perché sull’aereo sul quale stava viaggiando non aveva neanche una poltrona in pelle…a tal proposito il grande Letterman ha detto:

“Avete sentito l'ultima su Britney Spears? Era su un aereo e a un certo punto si è innervosita ed è scesa. E perché? Perché i sedili dell'aereo non erano in pelle. Già, ho la sensazione che quel giorno e mezzo in comunità non le sia bastato.
Se continua così, la gente comincerà a dubitare della sua stabilità...”

1 commento:

Juandawebmaster ha detto...

me parece genial ....
saludos

http://ganaendolares.blogspot.com/