mercoledì, gennaio 10, 2007

L'attesa

L'attesa è la cosa che uccide di più. L'attesa per sapere se la persona che ami ti ama ancora, se quello che stai combattendo sarà il tuo ultimo round, se il tuo avversario conosce la parola pietà. L'attesa di vedere che faccia avrà la morte, di non sentire più dolore e gravità ma solo una magnifica estatica leggerezza.

2 commenti:

L. ha detto...

Ciao Virus,
anche io sto vivendo lo stesso sentimento in questo momento: l'attesa....e mi sembra di essere sempre a tre secondi dalla fine di una canzone che non finisce...La mia voglia però è solo che finisca un SI o un NO, un lieto fine o un tragico epilogo...ma facciamo qualcosa.
Proprio perchèl'attesa mi sembra qualcosa di molto statico io combatto e mi rendo ancora più attiva, creandomi così ancora altre attese....però almeno gioco nel frattempo.

L.

Roberto ha detto...

Si ti capisco mi sento un po' come messo sotto la famosa spada di Damocle ed è forse questa la cosa che mi da più fastidio. Oddio rischio di cadere in mille luoghi comuni tipo che chi ama di più soffre di più etc etc...Resta il fatto che vivo un po' con un senso di angoscia perenne. Sul combattere non saprei se con me funziona perchè tutte le volte che provo a reagire e a dibattermi poi mi sento sfiancato e privo di energie, un boxeur che c'è la mette tutta ma l'avversario è di gran lunga più forte di lui anche perchè l'avversario non è l'altro atleta ma forse proprio il destino...Dio come sono fatalista oggi! Perdonami sarà l'umore.
Un besos
:)