mercoledì, agosto 30, 2006

Chabrol le "poches" vuote e la musique...


Giornata splendida oggi nella magnifica Torino. Seduto fuori dal Pastis verso la mezza sembrava di essere in una piazza di Aix-en-Provence o di qualche altra bella cittadina francese. Mi sono rimpizato lo stomaco con un ottimo calamaro ripieno alla molisana e ho rinfrescato il mio palato con del fresco Greco di Tufo…adesso se qualcuno legge ‘ste 4 righe potrebbe anche dire “chi se ne frega?” ma oggi va così il mio spirito volteggia leggero in questa brezza più primaverile che estiva.
Poi durante il pranzo ho avuto anche la colonna sonora eseguita da due musicisti di strada (tromba e chitarra con piccolo amplificatore) veramente bravi a cui ho lasciato 2 euro non sono tanti per pagare la musica offerta ma le mie poches sono perennemente vuote (spesso in debito!) un po’ come le casse del nostro stato.
Per finire per la mia solita rubrica sulla splendida girl del Pastis oggi aveva:
gonna lunga nera, camicetta senza maniche bianca e rossa style anni 50, zoccoletti scuri ai piedi e un adorabile cerotto con fumetto colorato sulla spalla. Sembrava uscita da un film di Claude Chabrol.
Un Baiser a tutti
Il mangano

Nessun commento: